Teatro    
 

Oasi e Filodrammatica insieme

PROGETTO TEATRO

2013 e 2014

Realizzazione del nuovo lavoro teatrale “’Na Crociera de… sogno!”

 

 Premessa

 

UNA COLLABORAZIONE NATA NELL'ANNO 2000

 

Il progetto nasce dieci anni fa dalla positiva collaborazione tra la Filodrammatica “S.Genesio” di Calavino e l’Associazione “Oasi Valle dei Laghi”, quando si è deciso di allargare gli orizzonti verso un’esperienza teatrale che coinvolgesse persone diversamente abili e volontari della zona intenzionati a intraprendere  un’esperienza di questo tipo.                                                                                                                  

Ricordiamo la realizzazione della commedia “Attenti al lupo”. Dal 2000 al 2002 sono state effettuate 25 rappresentazioni teatrali, dal 2003 al 2006 poi è stata realizzata la rappresentazione teatrale intitolata “Pinocchietto Mio”, la turnè di quest’ultima commedia  si è conclusa nel 2006 con un totale di  52 rappresentazioni (dal 2003 al 2006) con ricadute positive su  tutti i soggetti implicati. Con “En sac de... confusion!”  conclusa nel 2012 iniziata nel 2008 siamo stati in 50 teatri del Trentino. Ed ora si continua l'esperienza con un nuovo lavoro teatrale  “’Na crociera de… sogno!”  che ci ha visto al debutto l’8 giugno 2013.  Anche per il 2014 si intende portare avanti il progetto per perseguire la filosofia di sempre offrendo opportunità di integrazione sociale, socializzazione, mantenimento e sviluppo capacità a persone diversamente abili residenti in Valle dei Laghi, in un’ottica di normalizzazione e benessere comunitario.

Destinatari dell’iniziativa

L’esperienza teatrale effettuata risulta innovativa proprio per la tipologia di destinatari alla quale si è rivolta e cioè in primis persone diversamente abili residenti in Valle dei Laghi segnalate dal servizio sociale e non, oltre a volontari “storici” dell’Associazione e della Filodrammatica S.Genesio, nuove “forze” volontarie, le famiglie delle persone disabili e infine gli spettatori.

Elenco delle realtà che hanno collaborato alla realizzazione del progetto e specificazione del loro ruolo

Per la realizzazione dell’esperienza teatrale PROGETTO TEATRO l’Associazione continua la  collaborazione con la filodrammatica “S.Genesio” di Calavino che ha avuto un ruolo attivo nella programmazione e realizzazione dell’iniziativa: la regista della filodrammatica si è occupata della stesura del copione, ha assegnato le parti a ogni persona valorizzandone le abilità, ha seguito (supportata dai volontari dell’Associazione) ogni singola persona disabile nell’imparare il copione e la corretta gestualità di ogni personaggio. Assieme sono stati realizzati costumi e scenografia.

Descrizione sintetica del progetto

Il progetto è stato realizzato tramite tre significative fasi di sviluppo e cioè la progettazione, organizzazione e attuazione  : si è partiti dalla stesura del copione, all’assegnazione delle parti, passando poi alla realizzazione di laboratori per la costruzione di scenografie e costumi e all’individuazione di suoni e musiche, sono seguite poi prove settimanali fino ad arrivare al debutto. In seguito al debutto c/o il teatro di Calavino con il tutto esaurito, il lavoro teatrale è stato presentato in altri teatri  con l’obiettivo di offrire un messaggio di originalità e cioè una nuova opportunità di integrazione sociale per la persona disabile, un teatro visto come luogo in cui viene valorizzata l’integrazione tra le diversità e promossa la crescita sociale, arrivando a trasformare “l’arte” del teatro in terapia, dove i limiti diventano risorsa, aprendo lo sguardo a una cultura accessibile a tutti dove ognuno è diverso e si afferma in quanto tale.

Descrizione delle ricadute culturali per il sistema culturale del territorio di appartenenza

A livello culturale del territorio di appartenenza si è contribuito a introdurre una modalità “diversa” di fare cultura, una cultura della solidarietà sensibilizzando il territorio alla crescita sociale, al valore di appartenenza di ognuno utilizzando il teatro come sfondo integratore e collante tra le diversità.

Tramite questo lavoro teatrale si è offerto un nuovo linguaggio tramite un teatro diverso che risulta al servizio della persona lontano dallo scopo estetico e produttivo.

Descrizione dei risultati culturali e divulgativi

Tramite un progetto teatrale innovativo, si è riusciti a raggiungere una positiva sensibilizzazione della comunità aprendo lo sguardo ad una cultura accessibile a tutti dove il dar voce a persone con disabilità diventa occasione per conoscere il percorso esistenziale di ognuno e riflettere sulle tematiche culturali della disabilità. Il lavoro teatrale è risultato percorso arricchente per tutti i soggetti a vario titolo coinvolti: persone disabili, famiglie, volontari e spettatori. 

Si è riusciti a rispettare l’originalità del progetto realizzando un teatro “di livello”, mediante il coinvolgimento di un significativo numero di persone diversamente abili e volontari che hanno trovato nei propri personaggi l’espressione migliore di loro stessi e delle proprie capacità, tramite una comunicazione diretta e quindi attraverso il corpo e le emozioni.

Descrizione delle modalità di verifica del raggiungimento degli obiettivi previsti

Per quanto riguarda la verifica degli obiettivi raggiunti sono state rispettate le modalità previste da progetto iniziale e cioè:

-      per le persone diversamente abili:sono stati effettuati momenti di verifica in cui si potuto valutare il grado di integrazione raggiunto nel gruppo e con persone esterne e la qualità delle relazioni instaurate. Si è poi misurato tramite questionari e momenti di osservazione  il grado di autonomia raggiunta sia a livello di abilità personali che “indipendenza scenica”.

-      Per le famiglie: effettuati incontri e momenti di verifica misurando il grado di soddisfazione raggiunto grazie ad una nuova forma di integrazione per i propri figli. Si è cercato di comprendere quali nuove abilità e capacità relazionali sono state raggiunte.

-      Per i volontari: garantiti momenti costanti di supporto e verifica per adottare all’interno del gruppo linee comuni di azione finalizzate al raggiungimento obiettivi previsti dal progetto.

-      Per le realtà associative del territorio: rilevato il grado di collaborazione e supporto nella divulgazione dell’iniziativa.

-      Per la comunità/spettatori: ottima la partecipazione della collettività che è stata misurata tramite l’affluenza a teatro degli spettatori. Il pubblico ha apprezzato questo spettacolo che può sensibilizzare attraverso una dimensione artistica, unire piacevolezza ed emozioni, due condizioni capaci di generare nelle persone coinvolte nuove sensibilità.

-      Una comunità attenta alle fasce più deboli è sicuramente una comunità migliore da tutti i punti di vista.

 

Per informazioni e contatti:
Faes Alda      0461 864708 ufficio Oasi valle dei Laghi     mail : alda.faes@oasivalledeilaghi.com

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
 
 
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

2010  © Associazione di Volontariato "Oasi Valle dei Laghi" - viale S. Pietro, 18/B - 38076 Lasino (Trento)

telefono 0461.864708 | fax 0461.340633